m1
ILNODONEGSOLOFREGIO

Lo scopo è contribuire al raggiungimento dell’indipendenza economica di giovani uomini e donne stimolandone la creatività e insegnando loro tecniche artigianali specifiche. Il percorso consiste nel favorire lo sviluppo di attività di lavoro dignitose nel rispetto della loro cultura.

La lavorazione dell’argento è una forma di artigianato tradizionale della Cambogia, praticato per generazioni nei villaggi intorno a Phnom Penh. Il Nodo cerca di tutelare questa arte, insegnandola a ragazzi motivati​​.

Ogni anno Il Nodo seleziona 10 giovani adulti (18-25 anni) provenienti da situazioni di povertà e vulnerabilità, che non hanno generalmente ricevuto un'educazione formale, facendo loro frequentare un corso gratuito di due anni di design sociale.

Qui imparano a produrre cose belle con le proprie mani guadagnano autostima e fiducia in se stessi, ma anche una competenza generatrice di reddito.

Alla fine del corso a tutti è garantito un impiego a tempo pieno.

Il progetto si realizza attraverso la Bottega d’Arte di Phnom Penh, dove studenti provenienti da varie province della Cambogia imparano a sviluppare il loro potenziale creativo e acquisiscono nuove tecnologie e processi di lavorazione, nel rispetto della tradizione artigiana locale.
La scuola è fornita di banchi da lavoro e attrezzata di utensili e strumenti moderni e tradizionali, in modo che gli studenti possano avere a disposizione tutto il necessario per imparare.
Particolare attenzione viene data alla sicurezza sul lavoro e alle condizioni della formazione, in modo che gli allievi possano trarre il massimo beneficio dalla qualità dell’insegnamento.
Nei corsi, della durata di 2 anni, un insegnante – esperto argentiere reclutato localmente nel Villaggio degli Argenti – insegna la lavorazione di ottone, rame, argento a un massimo di 10 studenti dai 18 anni in su, provenienti da famiglie indigenti. Durante tutta la durata del corso gli studenti ricevono un pasto sostanzioso e una diaria, fondamentale affinché la famiglia accetti di perdere la loro forza lavoro.

Durante questo periodo gli studenti apprendono a lavorare l’argento sia in modo tradizionale che moderno. Una volta acquisite le conoscenze di base, un artista o designer italiano, tiene uno stage di un mese per insegnare ai ragazzi a produrre oggetti di design con tecniche innovative stimolandoli ad usare la loro creatività. Alla fine del corso gli studenti sono tutti in grado di produrre a mano oggetti tradizionali e moderni di disegno nuovo e originale: Artigianato di Design.
Alle fine del secondo anno di lavoro manuale e creativo, è in programma un corso di due mesi di contabilità per dare ai ragazzi gli strumenti necessari a creare e condurre una piccola impresa e gestire entrate ed uscite.
Nel periodo 2009-2013, gli insegnanti argentieri locali hanno insegnato ai nostri studenti le tecniche di base della lavorazione dei metalli per la creazione di gioielli, mentre i designer italiani hanno completato il processo di apprendimento con corsi di design e nuove tecniche di lavorazione dell’argento.

Il progetto ha il sostegno
della Tavola Valdese italiana.

xmilleChiesaValdese1
FuturoIMM
Il futuro nelle mie mani
m1